sabato 7 luglio 2012

Obiettivo Ombrello


La parola "ombrello" deriva dal latino "umbra", che significa ombra. Forme molto precoci di ombrello si possono trovare nell'arte antica e nei manufatti dell'Egitto, Assiria e Grecia. In Cina sono stati inizialmente utilizzati come protezione contro il sole.
I cinesi furono i primi ad impermeabilizzare i loro ombrellini di carta con la cera lacca  per l'utilizzo sotto la pioggia.
L'ombrello è arrivato in Europa nel 16 ° secolo, ma è solo nella seconda metà del 18 ° secolo che ha trovato grande popolarità in Gran Bretagna. Al giorno d'oggi gli ombrelli sono un prodotto di consumo rudimentale con un grande mercato globale,  sono abitualmente prodotti in serie nelle fabbriche, ma un certo numero di piccoli negozi specializzati nell'ombrello continuano ad esistere, come ad esempio a Londra il James Smith & Sons che fu aperto nel 1830.

Nella moda, le principali case di moda si attengono ai disegni classici (vedi Prada o Louis Vuitton), ma di tanto in tanto optano per alternative più colorate - in particolare quelli di Marc by Marc Jacobs.
Burberry A/W12 nella sua campagna dal titolo Midnight Rain, ha creato l'ombrello con il manico a forma di testa d'anatra.


Nei film, ci sono una serie di riferimenti ad ombrelli iconici, l'ombrello blu di Catherine Deneuve in The Umbrellas di Cherbourg, che si trovava in perfetto contrasto con il suo impermeabile giallo brillante, l'ombrello di Gene Kelly in Cantando sotto la pioggia ed il famoso ombrello di Mary Poppins  che le permette di librarsi nei cieli.


Obiettivo Ombrello è un progetto  dove sono stati consegnati 20 ombrelli a 20 artisti.
Hanno filmato e documentato il loro lavoro, che è stato presentato il 17 giugno a Glasgow come parte di Artfusion.

















Patrizia

5 commenti: