venerdì 22 luglio 2011

La scienza dell'odore....

Noi odoriamo tutti, perchè odoriamo e cosa differenzia l'odore di una persona rispetto ad un altra è stato indagine di studio presso la Scuola di Bioscienze dell'Università di Cardiff .



Il professore Tim Jacob  in concomitanza con la mostra, Dirt: The Filthy Reality of Everyday Life ha tenuto un convegno ed ha spiegato come l'odore ci riguarda personalmente, e come il sistema olfattivo è una parte importante della nostra fisiologia e psicologia.

L'olfatto è forse uno dei nostri sensi più potenti - può influenzare il nostro stato mentale, le nostre prestazioni fisiche e persino le nostre risposte fisiologiche di base. "L'olfatto è piuttosto diverso dagli altri sensi, in quanto è un forte input subconscio per il cervello", dice Jacobs. "Gli studi sono stati fatti per cercare di scoprire quale senso ha il maggior potere di evocare la memoria e le emozioni.

La musica può avere un effetto potente, ma l'odore è risultato essere lo stimolo più potente per evocare la memoria e le emozioni ad esso associate. "


E' stato dimostrato che un quinto delle persone che perdono il loro senso dell'olfatto diventano depresse.
Jacob durante il convegno è passato tra il pubblico e facendogli odorare un aroma ha chiesto loro di esprimere la prima cosa venisse in mente mentre odoravano.

Dopo un giro di evocazioni quali "Natale", Infanzia, dentista e negozi di dolci è stato rivelato che l'odore era cannella.

Ciò ha portato Jacob al prolifico lavoro di Marcel Proust sul subconscio. 


Il blocco dello scrittore Proust è stato curato mangiando madeleine francesi, egli ha continuato a scrivere inconsciamente per 60 ore .

Marcel Proust, nel suo libro “Recherche du temps perdu” (ricerca del tempo perduto), cita il biscotto nel primo capitolo. Qui il protagonista ancora ragazzino, assaporando una tazza di the nella quale è inzuppato un dolce molto particolare, corto e gonfio che si chiama “madeleine”, tocca uno stato di felicità e quasi di estasi.


Con la cannella, come nella fattispecie, Jacobs ha spiegato, "quando si inizia ad associare l'odore con uno stato d'animo catturato in una determinata circostanza,  diventa una connessione molto potente chiamata memoria proustiana, o memoria autobiografica. Questo tipo di memoria dura una vita."
Così come le sue connessioni con la memoria, l'olfatto è anche associato alla chimica. I cani sono stati addestrati a fiutare il cancro: "nel 2004 è stato fatto uno studio  dove i cani  venivano addestrati a fiutare il cancro alla vescica nelle urine, con un tasso di successo del 41% .
Due anni dopo, uno studio negli Stati Uniti, che ha coinvolto cani  per la rilevazione del tumore del polmone ha avuto un tasso molto elevato di precisione pari al 88-97% ", ha spiegato Jacobs. 






E'stato anche scoperto che il sudore' felice ' ed il sudore di ' paura ' possono essere identificati ed è interessante notare come le donne siano più ricettive.


A differenza di altri sensi, l'olfatto non si spegne quando dormiamo, Jacobs ha spiegato. "Il nostro senso dell'olfatto ha accesso diretto alle aree subconscia del cervello che colpisce le emozioni, l'umore e la memoria. Quindi odori diversi possono influenzare il tono emotivo di un sogno. Odori piacevoli fanno fare sogni piacevoli e viceversa. E 'una risposta involontaria. "







PATRIZIA


1 commento: