domenica 8 maggio 2011

Donna!!!!! E' tutta colpa tua.....





MEDICO - Dica, signorina, o signora, durante l’aggressione lei ha provato solo disgusto o anche un certo piacere... una inconscia soddisfazione?
POLIZIOTTO - Non s’è sentita lusingata che tanti uomini, quattro mi pare, tutti insieme, la desiderassero tanto, con così dura passione?
GIUDICE - È rimasta sempre passiva o ad un certo punto ha partecipato?
MEDICO - Si è sentita eccitata? Coinvolta?
AVVOCATO DIFENSORE DEGLI STUPRATORI - Si è sentita umida?
GIUDICE - Non ha pensato che i suoi gemiti, dovuti certo alla sofferenza, potessero essere fraintesi come espressioni di godimento?
POLIZIOTTO - Lei ha goduto?
MEDICO - Ha raggiunto l’orgasmo?
AVVOCATO - Se sì, quante volte?








Donna!!!!! E' tutta colpa tua.....


"Se una donna cammina in modo sensuale o provocatorio, qualche responsabilità nell’evento ce l’ha perché anche indurre in tentazione è peccato” ...
Ho repulsione pure a riscrivere le parole del caro Monsignor Bertoldo, vescovo di Foligno....e già!
Per chi non lo conoscesse, ecco un paio di illuminanti esternazion
i:

"
l'aborto crea più vittime dei pochi preti pedofili; Berlusconi ha fatto una ragazzata, a proposito del Rubygate."
“Ora non dico che Berlusconi meriti un premio e la sua condotta é quanto meno superficiale e contraria ai doveri del cattolico, magari si pentirà e confesserà. Ma che alla fine giudizi etici li debba dare Vendola, siamo alla frutta”. Ossia?: ” Vendola chiede a Berlusconi di cambiare stile di vita. ma lui si é guardato? Almeno Berlusconi nel peccato, non offende la regola naturale, segue la natura. Vendola offende sia il peccato che la natura e dunque sta messo molto, ma molto peggio e taccia”.






Ma come si fa...nel ventunesimo secolo ad ascoltare queste parole in silenzio...




    Io voglio essere libera di camminare con le movenze che mi appartengono in quanto donna senza pormi nessun interrogativo : “ma se cammino così mi violentano?"

    Io voglio essere libera di decidere se, come e quando diventare mamma ...

    Io non considero l'omosessualità una malattia ...
    Io voglio che mia figlia cresca libera di essere nel rispetto degli altri e per prima di se stessa...


    Ma il nostro corpo, esimio monsignore, è un dono di Dio, secondo il credo cattolico. Quindi? Dobbiamo sporgere reclamo al Padre Eterno?

     


    PATRIZIA





    2 commenti: