mercoledì 20 aprile 2011

CLAUDIO DI CARLO : ARTISTA ANARCHICO LIBERTARIO




Ho scoperto le opere di Claudio Di Carlo su Facebook. Ne sono rimasta rapita. Trasudano di verità e sensualità, sono così intense e piene di eros da sembrare vive. Amo il modo in cui riesce a far emergere la sensualità femminile senza mai essere volgare e scontato. Trovo nei sui quadri, una delicatezza ed un rispetto verso il corpo femminile, che quasi stride con le immagini rappresentate, e credo sia questo, a rendere le sue opere magnifiche.















CLAUDIO DI CARLO

vive e lavora tra Roma, Pescara e Amburgo.

BIOGRAFIA
1972-75
Anni di nomadismo, fra la comune di Ovada e le strade d'Europa, punto di riferimento artistico la galleria polivalente, Convergenze,
diretta da Peppino D'Emilio, PESCARA.

1977Fonda i gruppi punk-rock Koma e R.A.F. Rock Armee Fraktion

1983Performer e organizzatore con la compagnia di teatro di strada Drammateatro.

1985
Progetta e dirige "Officina club" uno dei primi spazi di concezione multimediale in Italia - PESCARA.

1987 - 94
Opera con il gruppo di ricerca teatrale Florian. In quegli anni si sviluppa l'esperienza collettiva che diede vita al
"Gruppo d'intervento artistico", poi "Brigata Abruzzi" momento che segnala la decisione di raccogliere le esperienze
del nomadismo precedente convogliandole sulle arti visive.

1993Fonda "Il teatro delle forme", scrive e dirige Spettacolo continuato, "Gli incubi del signor Duamel" con Giampiero Mancini coautore e attore

1994
Produce il gruppo rap-rock "Sistema Informativo Massificato per "Diramazioni" in seguito per la Warner Music Italia. WEA
Abbraccia le discipline multimediali, dopo un abbandono di 15 anni fa della pittura sua disciplina vitale l'esperienza centrale del suo lavoro, esponendo in diverse cittàitaliane e capitali europee.
1998A Roma, stabilisce il proprio studio in una esperienza condivisa con altri artisti "l'Ice Badile studio"

2004
Crea con il compositore Gabriel Maldonado – the Hyper Vectorial Sistem - progetto di musica
elettronica open and uncontrolled.
Definisce John fante, un personaggio che di diritto appartiene al suo immaginario poetico, con Janis Joplin, Rossellini, Modigliani,Piero Ciampi, Gesù e P.J. Harvej 






















http://www.claudiodicarlo.org


                                                                                                                 ELISABETTA

Nessun commento:

Posta un commento